News & Blog
CONDIVIDERE CON VOI TUTTO QUELLO CHE ACCADE IN PELLICONI È SEMPLICEMENTE BELLISSIMO.
07/03/2019
Gli 80 anni di Pelliconi: Marco Checchi scrive a tutti i dipendenti dell'azienda.
Così Marco Checchi, CEO, scrive a tutta la grande famiglia di Pelliconi in occasione degli 80 anni dell'azienda. Ai dipendenti, ai colleghi, agli amici. A te.

È con grande piacere che ci accingiamo a festeggiare gli 80 anni della nostra azienda.
Immediatamente questa ricorrenza ci riporta con la mente al 1939 quando, Angelo Pelliconi, poco più che trentenne con una bambina di pochi anni, decise di avviare un’attività di produzione di minuteria metallica a Bologna, impegnando tutti i suoi risparmi e anche qualche prestito. Erano gli anni che precedevano la guerra e il clima non era certo favorevole alle nuove iniziative, ma la forza d’animo che lo aveva sempre contraddistinto ebbe il sopravvento e, a marzo di quell’anno, registra  l’inizio delle attività della Pelliconi alla Camera di Commercio di Bologna. Gli anni che seguirono furono molto difficili per lui, per la sua famiglia e per la nuova attività; la guerra lasciava segni indelebili sulle persone e il piccolo fabbricato dove sorgeva l’attività venne bombardato e distrutto per ben due volte; tutto questo non lo fece disperare, con moglie e figlia sfollate in campagna, continuò nel suo disegno, che riuscì a mantenere vivo durante tutto il periodo bellico per arrivare finalmente agli anni cinquanta, dove la Pelliconi cominciò a prendere la forma che conosciamo oggi.
Fortunatamente visse circa 15 anni di successo e di sviluppo dell’azienda, che già a quel tempo si distingueva per un innato senso per le esportazioni, ne diventerà un vero campione nazionale. Purtroppo a soli 58 anni, nel pieno della maturità, perde la vita in un terribile incidente stradale. L’azienda continua con il genero, il nostro attuale Presidente, Franco Gnudi, che si occupava già da diversi anni delle vendite. Franco riesce ad infondere all’azienda non solo uno spirito internazionale ma anche un’impronta manageriale, cosa molto rara anche oggi, nelle imprese familiari. Grazie alle sue capacità Pelliconi supera brillantemente tutti i periodi di crisi che si sono avvicendati in Italia, dalla crisi energetica, al terrorismo ecc., facendo sempre appello alla correttezza, all’onestà, alla qualità dei prodotti e dei rapporti con il proprio personale. Il resto è storia recente che tutti noi conosciamo.
Mi preme sottolineare come il successo di Pelliconi sia da attribuire in egual misura alla famiglia, che non ha mai impoverito l’azienda ed ha sempre reinvestito i profitti nell’azienda stessa, ma anche a tutto il personale. Dal 1939 a oggi, in una specie di staffetta, di generazione in generazione, si corre per mantenere vivo il sogno di Angelo Pelliconi, un sogno ben preciso che lo animò 80 anni fa: far progredire la sua azienda, facendo beneficiare non solo se stesso e i suoi, ma anche tutto il personale, le loro famiglie e la comunità in cui viveva.
In fondo i ragazzi e le ragazze che da allora sono entrati in Pelliconi, hanno ricevuto un “testimone”, che porteranno, con orgoglio, per tutto la loro carriera in Pelliconi, impegnandosi a non far finire quel sogno, di quel ragazzo di Sesto Imolese, che tante notti insonni aveva passato immaginando un futuro migliore. E’ questo lo spirito che vorrei infondere a questo anno 2019, un anno di gioia, di festeggiamenti, di ricordi ma anche di tanti progetti d’investimento e d’innovazione che contraddistingueranno i nostri prossimi 5 anni, perché le 100 candeline sono dietro l’angolo.

Vi abbraccio tutti

Marco Checchi

  • Torna alla pagina precedente